Archivio di post dal giugno 2015 all'aprile 2016.
Questo spazio non è più aggiornato.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

Il mio disinteresse per l'armonia

Se potete, leggete questo post.
Perché non parlo quasi mai  dell'armonia, della vita libera dal condizionamento?
Perché non mi interessa parlare dei frutti, preferisco narrare dell'albero che li produce.
L'albero è il processo, il frutto ciò che deriva dal processo.
Quando dipingevo, mi interessava portare su tela, o su foglio un'intuizione, un simbolo, a volte un messaggio.
Lasciata la traccia, impressa nella materia l'intuizione, non mi interessava di rifinire il lavoro, di portare a compimento quelle piccole azioni di rifinitura necessarie per rendere l'opera completa.
Mi interessava il processo, l'albero; non il frutto, l'opera compiuta.
Così è nel nostro cammino: mi interessa il cadere dell'umano e, se mi è dato, l'aiuto che posso fornirgli.
Quando si rialza potrà andare da solo.
Dovrei parlare dell'armonia? No, non lo farò perché per farlo dovrei parlare ancora di me: ma lo sto già facendo, in queste e in molte altre pagine, se sapete leggere tra le righe.
Dovrei parlare dell'armonia come stato generale, universale per consolarvi, per sostenervi, per scaldarvi il cuore? Non lo farò, altri sanno farlo meglio di me e la loro parola ed esperienza è senz'altro più autorevole.

ALCUNI POST IN EVIDENZA