Archivio di post dal giugno 2015 all'aprile 2016.
Questo spazio non è più aggiornato.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

"Chi potrà salvarmi dal mio egoismo?"

[...] Mentre continuano le polemiche per l'assenza di bagnini che, ad Oristano, hanno costretto Vincenzo Curtale a salvare eroicamente tre persone finendo poi per morire a propria volta di infarto, dilaga l'indignazione perché ai funerali del loro salvatore, nessuno dei tre salvati era presente nemmeno con un fiore.
''Sappiamo solo che la signora e la figlia abitano nella zona di Padova, ma niente di più. Dell'uomo, che a sua volta stava rischiando di morire tra le onde, non conosciamo neanche il nome". Questo comportamento è davvero incredibile: "Enzo - dicono gli amici - è morto per salvarli dalle correnti e loro non si sono mai fatti sentire".
Le persone salvate sono sparite. Subito. Volatilizzate. Vive ma anonime. Neanche un grazie dopo essersi riprese. Neanche un timido e delicato contatto con la famiglia del loro salvatore. Cosa ci succede? Che cancro interiore ci uccide pure quando veniamo salvati? Se non dico grazie, se non sosto davanti alla bara di chi ha fatto a scambio della sua vita con la mia, se non sento il dovere di restituire un po' di pace con la mia gratitudine a chi piange il proprio caro, cosa mi sta divorando?
Se nemmeno aver visto la morte in faccia, mi fa alzare il viso verso l'altro, chi potrà salvarmi dal mio egoismo? [---]
Fonte

ALCUNI POST IN EVIDENZA