Archivio di post dal giugno 2015 all'aprile 2016.
Questo spazio non è più aggiornato.
Visita il Sentiero contemplativo per gli aggiornamenti recenti.

La gratuità

Quando compi un gesto, proferisci una parola, apri una porta, se hai la pretesa di essere utile, di servire a qualcosa, o a qualcuno, quella situazione è una proiezione di te, una narrazione di un tuo bisogno.
La gratuità non ha scopo, può essere indirizzata verso qualcuno o qualcosa, ma non porta calcolo con sé, né porta pretesa.
Ogni volta ti interroghi su cosa ti spinga a scrivere, a parlare, ad agire e, se intravedi un scopo, ti fermi e osservi: a volte l'impulso a dire o a fare muore, altre permane e genera una situazione.

ALCUNI POST IN EVIDENZA